L’autunno al cinema e in TV: prime uscite e nuove protagoniste

l'amica-geniale
La nuova stagione cinematografica e televisiva è alle porte e, come in ogni nuovo inizio, serve una guida per orientarsi, soprattutto se si è alla ricerca di storie importanti scritte, girate e interpretate da donne. 

È già nei cinema dalla fine di Agosto “Mary Shelley - Un amore immortale”, il film di Haifaa Al-Mansour, la prima regista saudita nella storia del suo paese. Il suo è un omaggio femminista a Mary Shelley, la celebrata autrice di Frankenstein, che in questo film viene narrata assieme al suo amore complesso e intenso per il poeta Percy Bysshe Shelley. In primo piano la lenta conquista della sua emancipazione in una società costrittiva e giudicante. 



Ad aprire ufficialmente le danze della stagione cinematografica autunnale, però, c’è il Festival del cinema di Venezia. Una Olivia Colman eccezionale, fresca vincitrice della Coppa Volpi come migliore attrice, è la protagonista de “La favorita” di Yorgos Lanthinmos. Quella narrata è la relazione strettissima e torbida tra la regina Anna di Inghilterra e due sue cortigiane: siamo alla fine del XVIII secolo tra corsetti, vizi e pericolosi intrighi di corte. 



L’entusiasmo per i film in concorso a Venezia ha toccato anche il ritorno di Alfonso Cùaron in laguna e il nuovo film di Luca Guadagnino dopo il successo mondiale di “Chiamami col tuo nome”. Cùaron, in particolare, è il fresco vincitore del Leone d’oro e porta sullo schermo un “Amarcord” della sua infanzia a Città del Messico; Roma è il nome di un quartiere della capitale messicana, è qui che ha vissuto il giovane regista allevato dalla tata Cleo e da sua madre. Luca Guadagnino, invece, lancia il suo personale omaggio a Dario Argento reinterpretando Suspiria, inquietante e onirico, con una fotografia di grandissimo effetto e una Tilda Swinton che si conferma sua musa eterna. 





 Un piccolo gioiello per chiudere col cinema italiano: “Il bene mio” del regista pugliese Pippo Mezzapesa. Protagonista uno strepitoso Sergio Rubini nel ruolo di Elia, l’ultimo abitante di Provvidenza, un paesino distrutto da quel terremoto devastante che gli ha tolto anche la moglie. A cambiare la sua quotidianità l’arrivo di una donna misteriosa, anche lei ferita dalla vita. 



La scena televisiva, invece, è dominata dall’attesa per “L’amica geniale”, la serie tv coprodotta da Rai e HBO per la regia di Saverio Costanzo. La storia è quella del successo letterario degli ultimi anni, la saga omonima di Elena Ferrante, e la versione televisiva è indicata già dai critici come il “ritorno del neorealismo italiano”. La serie andrà in onda a Novembre, ma sarà anticipata a Ottobre da tre serate evento cinematografiche con la proiezione delle prime due puntate. 



Ed infine altri due appuntamenti televisivi da segnare in agenda con donne in ruoli chiave: “Sharp Objetcs”, una serie scritta da Marti Noxon e con protagonista Amy Adams, un racconto intimo e difficile della sofferenza e della ricostruzione di una vita. Gli stessi temi ritornano poi, in forma diversa, con Maniac, la produzione Netflix in cui Emma Stone e Jonah Hill si sottopongono ad una lunga sperimentazione farmaceutica per guarire da malattie e dolore, ma niente è mai come sembra. 



Autore: Alessia Ragno 
credits photo: Eduardo Castaldo courtesy of Nexodigital