INTERVISTA A ISABELLA AUSTONI DI GAZZELLEONTHEROAD

Isabella_austoni
Cosa ti ha spinto a scegliere di intraprendere la facoltà di giurisprudenza? Cosa ti piacerebbe diventare in futuro? 
La scelta del mio percorso universitario è stata tutt'altro che immediata. Figlia di padre e madre medici da 4 generazioni, il mio sogno era quello di intraprendere la carriera del medico. 
Tuttavia, non sempre la vita asseconda i nostri desideri: e così è stato per me, in un certo senso. Dopo aver fallito al primo tentativo il test di ingresso alla facoltà di medicina decisi di iscrivermi lo stesso a Giurisprudenza così che, nel caso avessi fallito il test anche l'anno successivo, avrei avuto comunque un piano B. 
Non nascondo che questi due fallimenti consecutivi siano stati per me una grandissima e dolorosa sconfitta. Ma il primo passo per superare un insuccesso personale è saperlo accettare e andare avanti a testa alta. 
Oggi sono contenta del mio percorso e ho la consapevolezza che, quand'anche le cose non dovessero andare secondo i propri piani, occorra saper cavalcare le difficoltà senza farsi trascinare da esse. Fare le cose al meglio delle proprie possibilità è sicuramente la chiave per ottenere soddisfazione, gratificazione e successo personali. 
In futuro (spero tra 2 anni) mi vedo avvocato specialista nel settore IP (Intellectual Property). 

Come è nata la vostra amicizia? 
Paola ed io ci conosciamo da quando avevamo 14 anni grazie alla passione comune per l’atletica leggera (entrambe mezzofondiste, allenate in ProPatria dal grande Giorgio Rondelli). 
Dopo aver abbandonato a malincuore la pista di atletica ci siamo ritrovate a correre insieme distanze più lunghe (10/21km) e ad allenarci con il Nike Running Club. 
Nicole, veterana della pallavolo agonistica, è stata trascinata nel mondo del running da Paola grazie ad un incontro fortuito al Parco Sempione durante un volantinaggio per una gara di corsa. 
Claudia, ex nuotatrice, l'abbiamo conosciuta durante gli allenamenti del Running Club. 
Maria ed io ci siamo conosciute in Università e, tra una lezione e l'altra, abbiamo scoperto di avere in comune una grandissima passione per lo sport ed uno stile di vita sano, interesse che abbiamo presto imparato a condividere con le altre ragazze. 
Da questo grande comun denominatore che ruotava attorno alla corsa, abbiamo così iniziato a frequentarci più assiduamente, condividendo obiettivi, sforzi e viaggi indimenticabili che oggi amiamo condividere sotto il nome GAZZELLE ON THE ROAD con chi ci segue sui nostri canali social (Instagram/Facebook).

Che ruolo ha secondo te lo sport nella vita di una donna o quale dovrebbe avere? 
Lo sport ha la grandissima capacità di temprare mente e corpo di tutti noi. E saper affrontare una sfida, superare i propri limiti fisici e mentali è un’incredibile arma che consente, soprattutto ad una donna, di accrescere la consapevolezza della propria forza, determinazione e autostima. 

Quali sono i vostri progetti futuri? 
Il nostro futuro lo stiamo costruendo insieme ogni giorno, progetto dopo progetto. 
Tra le più grandi novità sicuramente vedrete una nuova struttura per Gazzelle On The Road che ci condurrà verso nuovi obiettivi, insieme a tutti coloro che vorranno unirsi a noi! Per ora non possiamo ancora svelarvi di più: stay tuned. 

Tra i nostri sogni più grandi sicuramente c'è la MARATONA di NEW YORK (magari nel 2018, con Lucilla Andreucci?! Chi lo sa…)